Emily Freeman

DevOps

Connect

Biografia

Emily Freeman è cresciuta nelle aree amabilmente definite "palude" da Trump. Con la politica nel sangue, ha inseguito il sogno di vivere un episodio di West Wing - Tutti gli uomini del Presidente. Dopo anni di discussioni, per riassumere essenzialmente una laurea in Scienze politiche, ha lasciato gli studi delusa dal fatto che le campagne elettorali consistono in realtà nel reclutare ventenni in modo che vivano in povertà piuttosto che cenare e bere vino con i fratelli Koch.

Con i suoi sogni di conversazioni in stile Aaron Sorkin e cene in ristoranti con stelle Michelin infranti, Emily si è dedicata al ghostwriting. No, i blogger che leggete insieme a milioni di follower non scrivono i propri articoli. Mi dispiace deludervi.

Dopo molti anni alla tastiera, Emily ha attraversato una crisi dell'un po' più del quarto di vita e ha preso l'audace (folle?) decisione di cambiare carriera e dedicarsi all'ingegneria del software.

Senza alcuna esperienza, ha caricato la figlia di sei mesi, il suo cane cieco e qualche scatola nella sua auto sportiva non proprio da mamma e ha attraversato il paese per partecipare a un corso di sette mesi sulla scrittura di codice.

Emily ha completato sette faticosi mesi di revisioni di codice, programmazione in coppia e apprendimento di Ruby on Rails. Dopo essersi innamorata di Denver, una città vivace quanto lei, Emily ha deciso di rimanere.

Emily è l'autrice di DevOps for Dummies e la curatrice di JavaScript January, una raccolta di articoli su JavaScript che attira 30.000 visitatori nel mese di gennaio. Per scoprire di più sulla storia di Emily, visita il blog Growth in Fear.

Competenze

  • DevOps
  • Ruby
  • Java

Codice, interventi e altre informazioni